Alcamo la città dell’illegalità diffusa

0
356

Ordinanze e regolamenti comunali? Carta straccia se nessuno si prende la briga di farli osservare e quindi rispettare. E di carta straccia vogliamo parlare. Veri e propri tappeti di depliant che pubblicizzano prodotti di vario genere invadono marciapiedi e cunette di molte strade della città di Alcamo. Vie Alfieri, Girolamo Caruso, San Tommaso, tanto per citarne alcune sono tappezzate da tempo di cartaccia. Di depliant messi sotto le porte, lasciati a fasci agli ingressi e anche, ormai giacciono a centinaia appesi alle porte di abitazioni chiaramente da tempo disabitate. Un vero e proprio problema che offende il decoro, che provoca problemi igienici e spesso lavoro straordinario agli operai dell’Aimeri, i quali stamane hanno provveduto a rimuovere tutta la sporcizia provocata dalle cartacce. Ma fino a quanto durerà? I controlli per il rispetto delle ordinanze sono inesistenti anche per la carenza di uomini e mezzi del corpo della polizia municipale anche se sarebbe molto facile individuare chi sporca con la massiccia distribuzione di depliant in una città dove l’illegalità diffusa si tocca con mano. Una volta individuati non carezze ma salatissime multe. Illegalità diffusa per esempio sono le violazioni al codice della strada, per mancanza di educazione civica e l’invasione dei marciapiedi in alcuni tratti della via Madonna del Riposo, strada molto trafficata. Invasione dei marciapiedi che quotidianamente vedono migliaia di automobilisti ma non le forze dell’ordine che vi transitano decine di volte al giorno. Volantinaggio selvaggio. Abusivismo selvaggio sono alcuni aspetti di una città senza.,.. ovvero quella di Alcamo, dove occorrono svolte a tutti i livelli per il rilancio di un Comune. Rilancio che passa prima di tutto per una rivoluzione all’interno dei dipendenti comunali con ampia rotazione e responsabilizzazione. Rilancio che passa attraverso il siluramento di quelle figura apicali, responsabili di servizi come quello, per esempio dell’erogazione idrica, in tilt da diversi mesi con gravi disagi per gli alcamesi. La rotazione dei dipendenti è importante per evitare l’incancrenirsi di posizioni, che possono poi generare veri e propri centri di potere. Dalla primavera di tanti anni fa ad Alcamo, dal punto di vista amministrativo, si è passati all’inverno siberiano nonostante le alte temperature di questi giorni.