Alcamo, istituto “Allmayer”. Al via le lezioni, ma sul nuovo istituto tutto tace

0
163

Il clima è di grande entusiasmo anche se le nubi nere che si affacciano all’orizzonte non si sono diradate. Per i 900 studenti del liceo Vito Fazio Allmayer la campanella suonerà mercoledì 11 settembre. Si torna tra i banchi all’istituto diretto da Vito Emilio Piccichè, dove l’attività non conosce sosta anche durante le vacanze estive. Infatti si è appena concluso un master, al quale hanno partecipato 80 studenti provenienti da tutta la Sicilia pr perfezionare l’uso degli strumenti musicali. Una tre giorni durante i quali insegnanti di musica hanno impartito lezioni di tecnica per migliorare l’uso degli strumenti musicali. Ricordiamo che il Vito Fazio Allmayer ha un’orchestra con oltre 100 componenti e tiene concerti molto applauditi. Vito Emilio Piccichè ha avuto anche conferito l’incarico di reggente per Camporeale, Roccamena e Grisì. Sul Liceo pende come una spada di Damocle il provvedimento adottato un anno fa dall’ex Provincia regionale di Trapani, che prevede il trasferimento di ben 700 alunni, su una popolazione di 902 unità, in un edificio di contrada Sasi di Calatafimi Segesta allo scopo di sgravare l’Ente dal pagamento di un canone di locazione dell’immobile del viale Europa di circa 200 mila euro l’anno. Il trasferimento, se non si adottano provvedimenti, potrebbe avvenire dal primo settembre del 2020. Il trasferimento decreterebbe l’inizio del tramonto di una scuola dove funziona il liceo musicale, scienze umane, linguistico, economico sociale e della danza. Nonostante l’incertezza l’Allmayer ha mantenuto il trend delle iscrizioni. Ciò dimostra la fiducia di studenti e famiglie residenti anche nei comuni vicini: Castellammare, Partinico, Balestrate, Terrasini etc. Fino ad oggi alle promesse non sono seguiti fatti concreti per trovare una soluzione e quindi diradare le nubi nere all’orizzonte.