Alcamo Intenso periodo di solennità religiose

0
503

Con la novena  che inizia mercoledì prossimo con la recita delle Lodi e le celebrazioni eucaristiche entrano nel vivo le solennità del Sacro Cuore i Gesù che si svolgono nell’omonima parrocchia del viale Europa di Alcamo.  La solennità si concluderà il giorno otto giugno con la processione con la statua del Cuore di Gesù. Da venerdì prossimo prende il via la festa dedicata a Sant’Antonio di Padova, che si svolge nella parrocchia di Santa Maria che avrà come tema la Santità nella famiglia. Intanto mercoledì si conclude il mese mariano, caratterizzato dai pellegrinaggi dei fedeli al santuario di Maria Santissima dei Miracoli, Patrona di Alcamo, meta tutti i giorni dell’anno di visite da parte dei fedeli e il 20 giugno celebrazioni eucaristiche con le autorità, che partecipano alla “calata”. Ma una delle principali ricorrenze della chiesa è la festa del Corpus Domini o del Sacramento che si celebrerà domenica prossima. Ad Alcamo tale festa viene solennizzata nella chiesa Madre. Nel pomeriggio, tra lo scampanio dei sacri bronzi – scrive lo storico Roberto Calia – inizia la processione con la partecipazione di tutte le organizzazioni parrocchiali che portano stendardi e bandiere. L’ostensorio con l’Eucarestia è portato dall’arciprete. Dietro l’arciprete  segue il gonfalone del Comune portato dai vigili urbani in alta uniforme, seguito dalle autorità civili e militari. Chiudono la processione la banda musicale e i fedeli. I fedeli in onore del Santissimo Sacramento recitano e cantano: “Sia ludatu ogni momentu, lu nostru Diu in Sacramentu, Oj e sempre sia ludatu Diu Sacramintatu”. Fino al 1978 al rientro della chiesa Madre seguiva la benedizione eucaristica. Oggi essa viene impartita dopo una breve omelia su un palco collocato in piazza Ciullo davanti la chiesa del Collegio.