Alcamo-Incendio ditta rifiuti, il chimico Genchi: “C’è inquinamento diossina” (VIDEO)

Parole forti quelle di Ino Genchi, ex dirigente del Dipartimento Regionale per le Attività Sanitarie e Osservatorio Epidemiologico, oltre che chimico molto conosciuto e apprezzato ovunque, con un passato anche da assessore all’Ambiente nella vicina Partinico. Ieri ha fatto tappa ad Alcamo dietro invito dell’ecologista Massimo Fundarò, anche lui uomo di spicco a livello regionale nel mondo dell’associazionismo, che lo ha sollecitato a guardare da vicino quanto accaduto con l’incendio devastante della ditta di stoccaggio rifiuti D’Angelo. Genchi ha fatto riferimento a due casi che lui ritiene simili e che ha seguito da vicino, l’incendio alla discarica di Bellolampo e quello ad una ditta del settore di Pomezia. Per Genchi ci sono grandi similitudini e in quei casi gli effetti inquinanti sono stati accertati. Su Alcamo ha persino raccolto testimonianze di persone che hanno subito effetti indesiderati con l’inalazione del fumo.

 

Intanto il movimento ecologista Ecò vuole vederci chiaro in tutta questa vicenda e punta a capire soprattutto cosa c’è dietro a questo grandissimo incendio le cui conseguenze stanno mettendo in apprensione tutta la popolazione. Per questo sarà presentato un esposto alla Procura:

 

Genchi è convinto che sia verosimile che rientrino nella norma i dati relativi al particolato” ma comunque sono solo una parte delle sostanze inquinanti che potenzialmente possono essere prodotte da impianti simili come quelli della ditta D’Angelo. Al Comune viene sollecitato anzitutto di verificare le prescrizioni date all’azienda, la dotazione del piano antincendio e se erano seguite alla lettera le autorizzazioni imposte anche rispetto alla quantità di rifiuti presenti all’interno del sito al momento dell’incendio. Tutti interrogativi che fanno emergere la chiara posizione di Fundarò che da assessore all’Ambiente del Comune di Alcamo a suo tempo ebbe a che fare proprio con il titolare della ditta D’angelo e non fu un rapporto idilliaco.

GUARDA GLI INTERVENTI IN CONFERENZA STAMPA