Alcamo, in arrivo sconti sulla bolletta dei rifiuti

0
445

Chi conferirà il rifiuto differenziato al centro comunale di raccolta potrà usufruire di sconti sino ad un importo massimo di 100 euro dalla bolletta dei rifiuti. Questo il provvedimento emanato dalla giunta guidata dal sindaco Sebastiano Bonventre che ha quindi dato seguito al provvedimento di incentivare la raccolta differenziata nel modo non tradizionale della raccolta porta a pota ma conferendo direttamente nelle piattaforme autorizzate del Comune. Questa iniziativa viene adottata in esecuzione del regolamento per la disciplina dell’imposta unica comunale, la Iuc, che comprende anche la tassa sui rifiuti denominata Tari, approvato nel settembre scorso dal consiglio comunale. Il progetto sperimentale promosso dal Comune di Alcamo, in collaborazione con il soggetto gestore del servizio di raccolta rifiuti dell’Aimeri Ambiente, prenderà il via a partire da domani e terminerà il 31 dicembre di quest’anno: “La finalità – afferma il vicesindaco e assessore all’Ambiente Salvatore Cusumano – è la promozione della raccolta differenziata, riconoscendo un premio in termini economici di riduzione della tassa del servizio smaltimento rifiuti a favore dei cittadini che si distingueranno in merito alla differenziata”. Potranno beneficiare della riduzione, che dovrà essere richiesta annualmente dall’utente interessato presentando idonea documentazione entro il mese di gennaio dell’anno successivo ed operativa mediante compensazione alla prima scadenza, solo le utenze domestiche iscritte a ruolo Tarsu/Tares presso il Comune di Alcamo e in regola con i pagamenti. Nello specifico, si riconoscerà alle utenze, una riduzione della parte variabile del tributo per un importo diviso in tre scaglioni: 50, 75 e 100 euro al massimo. La somma complessiva che l’amministrazione mette a disposizione per l’iniziativa è di 80 mila euro. I cittadini quindi, a prescindere dalle previsioni del calendario per ciascuna zona, potranno recarsi al Ccr comunale di contrada Citrolo-Vallone Monaco per conferire le frazioni di rifiuto differenziato che sarà ispezionato: i rifiuti infatti dovranno essere perfettamente differenziati, selezionati e privi di impurità, altrimenti non verranno ammessi e quindi pesati per usufruire della riduzione. La quantificazione minima in termini di peso e la relativa attribuzione del punteggio con riferimento ai singoli tipi di rifiuto è stata effettuata tenendo conto dei dati acquisiti lo scorso anno relativamente alla produzione media per abitante, della percentuale di raccolta differenziata che si è attestata nella misura del 45 per cento circa, nonché dell’obiettivo dell’amministrazione di raggiungere almeno il 55 per cento di raccolta differenziata quest’anno. “L’amministrazione – sottolinea Cusumano – intende incentivare al massimo la raccolta differenziata al fine della tutela ambientale e della riduzione dell’inquinamento atmosferico, atteso che gli imballaggi in argomento vanno a recupero e riciclo, ed effettuare un risparmio economico notevole, in quanto una buona raccolta differenziata dovrebbe ridurre la produzione del rifiuto indifferenziato, con la conseguente diminuzione dei costi di conferimento e smaltimento in discarica”.