Alcamo, il Covid entra a scuola. Dalle materne al liceo, passando da elemntari e medie

Week-end preoccupante ad Alcamo dove i risultati dei tamponi pervenuti fra ieri e oggi hannno riguardato anche le scuole.  Quattro classi di scuola materna hanno già chiuso per la positività di due fratellini che frequentano lo stesso plesso ma sezioni diverse e di altri due bambini di un’altro istituto. Un altro caso è stato rilevato per un ragazzino che frequenta la scuola media di un altro istituto comrensivo. Domani non terranno lezioni, perchè alunni e insegnanti sono stati posti in isolamento precauzionale, altre due classi di scuola elementare di un altro istituto ancora. Sono quelle frequentate da fratello e sorella risultati posiitvi assieme ai genitori. Stopo alle lezioni anche in una classe di un liceo.

In tutto ad Alcamo, nelle ultime 24 ore, si è evidenziato un incremento di 10 nuovi positivi. La task-force dell’ASP ha fatto gli ‘straordinari’ per rintracciare tutti i collegamenti ed effettuare i tamponi. I risultati stanno via via arrrivando e alcuni sono negativi anche fra insgenanti e compagni di classe degli alunni raggiunti dal Covid. Anche i collaboratori scolasrtici, i cosiddetti bidelli, sono stati posti in isolamento precauzionale e in attesa del risultato dei prelievi naso-faringei.

Nonostante il governo nazionale abbia definito le scuole, al momento dell’inizio del nuovo anno scolastico, come i luoghi più sicuri e protetti, le cifre un po’ dappertutto stanno dimostrando il contrario. Vero è che la popolazione scolastica italiana conta 8,5 milioni di ragazzi e quindi i numewri, finora, rappresentano una goccia nell’oceano, ma è altrettanto vero che i primi casi nelle scuole alcamesi stano venedo fuori adesso, esattamente a due settimane dal primo giorno di scuola.

Dirigenti scolastici e ASP sono comunque intervenuti in tempi rapidissimi per isolare i casi e le intere classi. Il numero dei tamponi effettuati, già elevato, è stato ulteriormente incrementato. Sembra allo stato attuale che i focolai scolastici siano stati circoscritti e anche quelli esterni che avrebbero prodotto il contagio negli alunni che poi sono andati a scuola. Saranno le prossime 72 ore, quelle necessarie per i risultati dei nuovi tamponi, a dare maggiori certezze.