Alcamo: debiti Comune, scontro consiglio-uffici

0
408

ALCAMO (TP) – Scoppia la polemica tra il consiglio comunale e gli uffici. Ad innescarla il consigliere Alessandro Calvaruso che ha denunciato la puntuale carenza di documentazione da parte degli uffici preposti quando si chiede l’accesso agli atti per la verifica dei debiti fuori bilancio da valutare nelle commissioni consiliari competenti e successivamente in seno al civico consesso. Il caso è emerso ieri sera nel corso della seduta del consiglio comunale i cui sono stati esaminati altri debiti fuori bilancio. In tal senso è stata istituita recentemente dal consiglio una commissione d’inchiesta con il compito di rintracciare tutti i flussi finanziari del Comune di Alcamo negli ultimi anni che hanno causato anche lo sforamento del patto di stabilità per ben due anni consecutivi, nel 2011 e nel 2012. Secondo quanto sostenuto dal consigliere Calvaruso i consiglieri non sono messi dagli uffici nelle condizioni di potere esaminare gli atti perché la documentazione fornita è carente. A far venire alla luce le problematiche inerenti l’eccessiva mole di debiti fuori bilancio sulla testa del Comune è stata recentemente la Corte dei Conti che ha espressamente aperto un fascicolo sul Comune di Alcamo, evidenziando come ci siano alcune anomalie che andrebbero chiarite. I magistrati contabili hanno inviato al Comune di Alcamo una loro deliberazione con tutte le osservazioni sui conti dell’ente, puntando l’attenzione proprio su questi debiti fuori bilancio. E’ stato evidenziato come esista un consistente ammontare dei debiti fuori bilancio 2011 pari a 590 mila euro di cui non risulta accertata l’integrale trasmissione delle delibere di riconoscimento alla Procura regionale della Corte dei conti, e debiti da riconoscere alla fine dell’esercizio pari ad altri 250 mila euro. Su uno dei debiti fuori bilancio da riconoscere è venuto meno il numero legale e per questo il consiglio è stato aggiornato a questa sera.