Alcamo, continua la truffa dei falsi contratti

ALCAMO. Continuano a piovere segnalazioni di truffe ai danni di cittadini alcamesi raggirati da aziende che operano nel campo della telefonia o energetico. Sono decine e decine ogni giorno gli esposti presentati alle associazioni dei consumatori della città in cui si evidenziano attivazioni di contratti e forniture mai richiesti. Situazione evidenziata dall’Adiconsum della sede territoriale di Alcamo che lancia un allarme proprio sulla prassi, sempre più diffusa, da parte delle grandi aziende che operano nel settore della vendita dell’energia elettrica e del gas volta all’attivazione di contratti non richiesti, o a condizioni diverse da quelle verbalmente promesse, mediante vere e proprie azioni che vengono definite “fraudolente” a scapito degli ignari cittadini-consumatori. “Negli ultimi mesi – afferma il responsabile dell’Adiconsum alcamese, Andrea Catanzaro – sono aumentate notevolmente le segnalazioni da parte dei cittadini relative all’attivazione di contratti di fornitura di gas o energia elettrica non richiesti, talvolta con contestuale voltura dei relativi contatori senza il consenso dei reali proprietari. Ciò è probabilmente frutto di tecniche contrattuali aggressive, mediante offerte proposte porta a porta, o telefonicamente, da persone senza scrupoli che ingannano la gente comune non informandola correttamente sui contenuti della proposta”. Vittime dei raggiri sono molto spesso gli anziani: “In alcuni casi – aggiungono i legali di Adiconsum Alcamo, Fabio Faraci e Dario Messina – abbiamo anche constatato che i contratti, che richiediamo alle aziende come prova del consenso prestato dal consumatore, spesso riportano firme palesemente falsificate. Talvolta, i contratti vengono attivati telefonicamente, non svelando nemmeno il vero nome dell’azienda proponente, facendo credere alla gente che stanno soltanto sottoscrivendo una promozione con l’attuale fornitore”. Un fenomeno sempre più problematico anche perché l’omesso pagamento delle fatturazioni disconosciute, senza adeguata tutela legale, espone il consumatore paradossalmente anche al rischio di vedersi depotenziata o addirittura interrotta la fornitura per morosità. Il consiglio di Adiconsum è quello di non ricevere mai nelle proprie case, per nessun motivo, persone sconosciute, le quali spesso con la scusa di voler visionare il contatore o una fattura riescono abilmente ad estrapolare i dati occorrenti per l’attivazione di contratti non richiesti, compresi quelli sensibili. Bisgona poi non dare il proprio consenso telefonicamente evitando di ritrovarsi attivazioni non richieste. Ad ogni modo si raccomanda di non firmare mai proposte contrattuali in mancanza di un’adeguata conoscenza di tutte le clausole, e di richiedere espressamente copia fedele di quanto sottoscritto.