Alcamo: Consiglio in streaming, ora è realtà

0
488

ALCAMO – Diventa realtà lo streaming delle sedute del consiglio comunale ad Alcamo. Proprio in questi giorni si è completata la procedura burocratica con l’affidamento delle videoriprese integrali delle sedute ad un ditta alcamese, la Psc Service di Pietro Marchese. A portare a termine la procedura il Settore Affari generali e Risorse umane del Comune che ha emanato in tal senso un’apposita determina. Per tre anni la ditta affidataria garantirà l’installazione oltre che la manutenzione ordinaria e straordinaria delle telecamere e dell’intero sistema tecnologico al costo di quasi 5 mila e 600 euro. Oltretutto sempre la società affidataria dell’appalto è venuta incontro al Comune accettando di ricevere il pagamento quando si creeranno le disponibilità del plafond di cassa disponibile sul più complessivo conteggio a saldo, in quanto tale spesa inciderà sul rispetto del patto di stabilità. Arriva quindi l’epilogo di una lunga e intricata diatriba esplosa sin dal primo giorno di insediamento dell’attuale amministrazione comunale, guidata dal sindaco Sebastiano Bonventre. Immediatamente il movimento civico Abc, che in consiglio comunale conta 3 esponenti, spinse per la realizzazione delle videoriprese delle sedute in streaming, invocando la massima trasparenza da parte delle istituzioni locali nei confronti del cittadino. Nel luglio dello scorso anno oltretutto venne approvata a larga maggioranza la mozione presentata proprio da Abc in tal senso che impegnava l’amministrazione a installare le telecamere. Nel febbraio scorso però sempre Abc tornò alla carica sottolineando che nulla era stato fatto ancora dall’amministrazione nonostante fossero passati sei mesi dall’approvazione della mozione. Non mancarono le polemiche con i tre consiglieri d evidenziare che il regolamento del Consiglio Comunale prevede che le mozioni di indirizzo approvate impegnino il sindaco e la giunta a deliberare al riguardo entro sessanta giorni. Alcamo arriva quindi allo streaming a distanza di ben 4 anni di ritardo rispetto alla vicina Castellammare del Golfo che già nel 2008, con l’attuale sindaco in carica Marzio Bresciani, istituì tale servizio. I castellammaresi, rimanendo comodamente a casa, possono guardare ed ascoltare il consiglio comunale, collegandosi al sito del Comune (www.castellammaredelgolfo.org) e selezionando il relativo collegamento. La scelta di proporre il consiglio comunale di Castellammare su internet nacque da una proposta di Giuseppe Di Legami, consigliere comunale del Pdl, che ha definito la diffusione delle sedute su Internet come “un servizio ai cittadini che va di pari passo con il percorso di trasparenza intrapreso dal sindaco e dallo stesso consiglio comunale”.