Alcamo-Congresso del  Pd e il giallo delle tessere

0
410

C’è chi è andato via in anticipo scuro nel volto come Gianluca Abbinanti, componente la direzione regionale del Pd. C’è chi si è soffermato sorridente a parlare con un gruppo di democratici dopo la conclusione della riunione come Ignazio Filippi, che tiene le redini della corrente Big bang e in pratica pare che abbia il ruolo di ideologo tra i giovani democratici partiti all’assalto della segreteria comunale di Alcamo, dove da oltre due anni il partito è retto da una reggenza. Tira vento di tempesta nel Pd alcamese dopo la riunione tenutasi l’altro ieri sera al Bar Nannini. Si sono ritrovati i giovani peones  e coloro i quali con vari ruoli da sempre militano tra i democratici. Alla base dei contrasti la convocazione del congresso straordinario per il prossimo 25 settembre. Molti del Pd si chiedono “perché all’improvviso tanta fretta quando da diverso tempo il partito ad Alcamo è gestito da una reggenza”? Perché non attendere l’inizio del 2017 avendo il Pd a livello nazionale fissato i normali congressi? Sembra che la fretta sia venuta ai Big bang potendo contare su un pacchetto di tessere che a settembre garantirebbe loro la vittoria con l’elezione di un segretario di loro gradimento. L’intera operazione sarebbe avallata dal segretario provinciale Marco Campagna. C’è in atto una sorta di scontro generazionale col palleggiamento di accuse e contraccuse. C’è chi lancia strali perché i cosiddetti “vecchi” non si sono  impegnati alle recenti amministrative. La  risposta è perentoria: “Noi eravamo contrari all’  accordo tra Pd e Udc di Mimmo Turano. Si faccia chiarezza subito sui tesseramenti”. Come è noto nonostante le posizioni del “padre nobile “ Massimo Ferrara, che ha annunciato le dimissioni da coordinatore, e le dichiarazioni di una parte dei dem alla fine il “contratto” con Turano è stato siglato per appoggiare il candidato sindaco Enzo Cusumano, sconfitto ma vincente grazie al sottogoverno di prestigio arrivato un mese dopo le amministrative alcamesi. E Turano che ci guadagna? Considerato che alle prossime regionali quasi sicuramente Pd e Udc correranno  insieme, il candidato alcamese del Pd-Udc sarà quasi sicuramente Mimmo Turano, giovane ma politico di lungo pelo, potendo contare anche su un importante staff familiare.