Alcamo, Comune verso digitalizzazione: quasi completata la nuova informatizzazione

0
290

Sta entrando a regime la nuova piattaforma digitale che dallo scorso anno gestisce la macchina burocratica del municipio. Proprio in questi giorni si stanno ultimando anche gli ultimi adempimenti relativi all’informatizzazione di tutto ciò che concerne i dati relativi ai conti economici dell’ente. Si stanno inserendo le ultime informazioni necessarie per rendere operativa al 100 per cento la piattaforma. Per Alcamo un passaggio “epocale” sul piano della digitalizzazione ma anche un momento di transizione: “Questo è il motivo per cui non si è ancora approvato il Rendiconto del 2017 – afferma il sindaco Domenico Surdi -. Stiamo allineando tutti i dati contabili che permettono il passaggio totale alla digitalizzazione per il nostro Comune. Ovviamente si sta perdendo del tempo per effettuare questo passaggio dalla vecchia alla nuova piattaforma ma si farà in tempo per l’approvazione del documento contabile entro i 30 giorni stabiliti dalla Regione”. Dunque a breve sarà a regime questa nuova piattaforma che già ha apportato le sue prime novità. Anzitutto, a completamento degli inserimenti di tutti i dati, ci sarà la possibilità di avere più informazioni condivise, snellimento della burocrazia e potenzialmente maggiori possibilità di beccare gli evasori delle tasse e di velocizzare le pratiche inerenti l’edilizia privata. Ogni ufficio avrà un database di informazioni molto più ampio rispetto alla gestione attuale e questo permetterà di velocizzare i tempi di dialogo tra i vari settori, rendendo quindi più in tempo reale ogni tipo di informazione. Il nuovo software è stato individuato in economia attraverso il mezzo del riuso, quindi utilizzando software già in gestione in altre pubbliche amministrazioni. Chiaramente l’efficienza e lo sfruttamento di questo software dipenderà molto dagli indirizzi che darà l’amministrazione. Ad esempio si potranno con più facilità individuare i morosi e gli evasori di tasse e tributi proprio per il maggior flusso di informazioni a disposizione di ogni ufficio, effettuando una sorta di incrocio tra diverse banche dati. Buone notizie anche sul fronte dell’edilizia privata in quanto l’espletamento di ogni singola pratica potrà essere accorciata, secondo le previsioni del governo cittadino, di un buon 30 per cento di tempo. Da qualche mese ad esempio è stato detto anche addio alla carta. La giunta delibera non usando più la carta ma dei computer connessi in rete fra loro con tanto di firma digitale. In questo modo l’ente locale alcamese entra nella dimensione della dematerializzazione degli atti relativi a tutta la vita del Comune. I benefici effetti si vedranno nel corso dei mesi a venire in termini di tempo risparmiato, di rapidità di esecuzione e, in genere con il miglioramento dei risultati raggiunti dal Comune. In questo modo soprattutto si velocizzano determinati servizi e le comunicazioni avvengono sostanzialmente in tempo reale, senza doversi più affidare alle “missioni” da un ufficio all’altra dei dipendenti per recapitare l’atto cartaceo. Anche il caricamento dei dati sull’albo pretorio on line avviene in maniera spedita, senza dover magari ricorre agli scanner per acquisire l’atto in forma digitale.