Alcamo: Comune, segnalazione agli Enti locali

Servizi scadenti, mancato recupero di crediti vantati, cause civili affrontate con leggerezza, dubbi sui criteri di utilizzo del personale, superficialità nel riconoscere debiti fuori bilancio. Sono le contestazioni fatte al Comune di Alcamo e giunte sul tavolo dell’assessore regionale alle Autonomie locali Patrizia Valenti inviate dal consigliere comunale alcamese Alessandro Calvaruso (nella foto). Nella nota l’esponente del civico consesso elenca dettagliatamente tutte le irregolarità da lui rilevate e certificate attraverso una ricostruzione documentale nella gestione della cosa pubblica che sarebbero state commesse dall’amministrazione comunale guidata dal sindaco Sebastiano Bonventre. Sempre secondo Calvaruso ci sarebbero delle inefficienze e anche una mancanza di controlli da parte degli organi amministrativi in molti settori delicati della pubblica amministrazione. Nella nota si chiede espressamente all’assessore regionale che al Comune di Alcamo venga inviato un commissario ad acta che verifichi tutte le contestazioni avanzate. Il consigliere mette in evidenza tante criticità e quelle più rilevanti sono: il mancato recupero crediti, come rilevato oltretutto dal Collegio dei Revisori dei Conti; la scarsa professionalità nell’affrontare procedimenti civili contro l’Ente, contestazioni avanzate dal consiglio e dalla Commissione Consiliare competente; la mancata risposta a eventi circa il presunto utilizzo arbitrario di mezzi in dotazione al Comune di Alcamo, e questa è una contestazione avanzata attraverso una lettera riservata inviata da Calvaruso direttamente al sindaco Bonventre; ed ancora la mancata risposta ed esecuzione di pulizia delle strade per problemi sanitari a seguito numerose segnalazioni di cittadini; la mancata risposta sull’utilizzo di personale comunale con precedenti contro la stessa pubblica amministrazione, altra lettera di Calvaruso; ed infine la richiesta di conferenza di servizio tra Autorità Giudiziarie per l’accertamento della veridicità di sinistri stradali e conseguenti debiti fuori bilancio. Calvaruso effettivamente evidenzia situazioni che sono state anche segnalate da organi interni del Comune, per l’appunto dai Revisori dei Conti e dalle Commissioni Consiliari, altre invece da semplici cittadini. “L’amministrazione comunale, seppur diverse volte invitata a svolgere legittimamente le proprie funzioni, – scrive Calvaruso – ha disatteso tali segnalazioni, lasciando scivolare nel dimenticatoio fatti importanti che hanno causato danni all’Ente”. Pepata la replica del vicesindaco Salvatore Cusumano: “Le contestazioni avanzate, a cominciare dai debiti fuori bilancio, – sottolinea – sono un clamoroso autogol per Calvaruso. Infatti tanti di questi debiti derivano proprio dal periodo in cui lui amministrativa, ed evidentemente all’epoca non si accorgeva di nulla. Ad esempio abbiamo rilevato che le maggiori spese di manutenzione alla rete idrica derivano proprio dal periodo in cui lui ricopriva il ruolo di assessore ai Lavori pubblici. Noi non temiamo nessuna ispezione, che ben vengano in modo da fare chiarezza a tutta la cittadinanza sui perché di queste criticità che oggi vengono fuori in seno alla macchina burocratica. Il nostro segretario generale – conclude Cusumano – ha sotto controllo tutte queste situazioni segnalate e le sta monitorando con attenzione di concerto con l’amministrazione”. “Ascolto le istanze di tutti – aggiunge il sindaco Bonventre – ma questa è davvero pretestuosa. Il consigliere deve mettere da parte le questioni personali, diatribe con alcuni dirigenti che non fanno bene alla città”.

Clothing of the Children During the Holocaust
wandtatoo How to Make Fashion Sketches

They used wool
louis vuitton neverfulDemographics of a Real Estate Investor