Alcamo, chiusi PalaVerga e PalaDangelo. Non ancora ultimato il PalaCentoPassi. Consegna vicina?

Sarà per l’emergenza Covid che ha ulteriormente rallentato o bloccato i lavori, sarà per un accumulo di lentezze dai fattori più svariati, forse anche da pecche nella programmazione, sta di fatto che gli impianti sportivi che Alcamo attende da anno, sono ancora chiusi. Uno in fase di costruzione, un altro in via di restyiling e uno da recuperare da tempo immemorabile.  Differenze di intervento sostanziali che però hanno finora prodotto i medesimi risultati: PalaCentoPassi, PalaVerga e Paladangelo erano e sono ancora inutilizzabili. Secondo l’assessore Giuseppe Campo,però, saremmo in dirittura d’arrivo.

E’ ad esempio in enorme ritardo sui tempi previsti dal capitolato d’appalto, il palatenda che è in fase di costruzione nello spiazzo attiguo gli spogliatoi dello stadio comunale Lellio Catella.  L’opera, finanziato con i fondi PON del ministero dell’interno, avrebbe dovuto essere completata  nel novembre del 2018, quasi due anni fa.  Un impianto sportivo esageratamente tribolato fin dalla gara d’appalto con rinunce a catena delle imprese, ricorsi e poi l’assegnazione alla Diemmea di Marsala. Quest’ultima azienda firmò il contratto e aprì il cantiere nel maggio del 2018. A rallentare la costruzione del palatenda ‘I Cento Passi’ non soltanto i recenti problemi legati al covid ma le lentezze del ministero nel pagare l’avanzamento dei lavori e una serie infinita di scambi di carteggi fra azienda, comune di Alcamo e funzionari ministeriali. Adesso sembra che la struttura sia davvero in dirittura di arrivo, ma lo era già due anni fa: mancherebbe meno di un mese di lavori per completare gli spogliatoi e per installare le attrezzature.

Discorso, lavori e problemi diversi al PalaVerga per il quale è stata effettuata la variante acquistare alcune parti di parquet definitivamente danneggiate e marcite a causa delle vecchie infiltrazioni piovane. La copertura è stata già sostituita ed entro fine agosto dovrebbero arrivare le parti in legno per sistemare il fondocampo. Ancora chiuso anche il Paladanelo, il grande e splendido palazzetto acquisito dal comune di Alcamo dall’ex provincia nel luglio del 2017. Ripristinare i danni causati da giovani e imbecilli vandali sembrava uno scherzo ed invece sono trascorsi più di tre anni. Adesso è stato rimodulato il ribasso a base d’asta al fine di recuperare le somme per pulire gli interni del palazzetto. Le attrezzature, tabelloni elettronici e quant’altro, sono stati già acquistati ma non è stata ancora dato l’ok alla consegna perché prima bisogna completare la pulizia interna.