Alcamo: area artigianale, sostegno dalla Crias

Le attività produttive che si insedieranno e che si sono già insediate in contrada Sasi potranno accedere ai fondi della Crias, la cassa regionale per il credito alle aziende artigiane. Il consiglio comunale ha votato una variazione al regolamento che sino ad oggi ha “governato” la vasta area artigianale della cittadina. In pratica la variazione consiste nel dare l’opportunità alle imprese di potere attingere a finanziamenti garantiti per l’appunto attraverso la Crias. In precedenza invece per le imprese artigianali di contrada Sasi non era prevista alcuna opportunità di ottenere finanziamenti se non attraverso il Patto territoriale del Golfo di Castellammare, attraverso cui si sono insediate la maggior parte delle imprese attualmente esistenti che hanno goduto addirittura del 70 per cento del finanziamento a fondo perduto. “In questo modo – è stato sottolineato dal consiglio comunale che ha votato compatto favorevolmente per questa variazione ad eccezione di Abc – si potrà dare un ulteriore strumento di sostegno a questi imprenditori in un momento di grave crisi”. Costituita nel 1954, come Istituto per il Credito alle imprese artigiane, la Crias è uno dei protagonisti del processo di industrializzazione dell’economia siciliana, sostenendo il rafforzamento e la crescita delle imprese artigiane. Favorendo l’accesso al credito da parte delle imprese artigianali, la cassa regionale ha svolto negli anni una fondamentale funzione di supporto alla competitività del tessuto produttivo regionale, ancora oggi caratterizzato dalla prevalenza della piccola dimensione d’impresa. Anche se non sempre messa nelle condizioni di operare, tanto che molto spesso la regione non ha impinguato il capitolo dell’istituto lasciandolo quindi a secco, in oltre cinquant’anni di vita la Crias ha permesso a migliaia di artigiani di ricevere fiducia, di ottenere credito e di migliorare e far crescere la propria azienda. Oggi la Crias è presente anche on line, con nuovi servizi di utilità per il credito all’artigianato. La cassa regionale garantisce diverse linee di credito: di esercizio, per la formazione di scorte, a medio termine, in conto interessi per il ripianamento delle esposizioni debitorie per le imprese artigiane, scorte agricoltura e di autotrasporto merci per conto terzi. Proprio recentemente l’istituto siciliano ha deliberato lo stanziamento di oltre 17 milioni di euro per finanziare le imprese artigiane di tutta l’isola, per supplire alla mancanza di credito derivante dalla stretta delle banche. La Cassa Regionale per il Credito alle Imprese Artigiane Siciliane è un’istituzione nata sotto il controllo dell’Assessorato alle Attività Produttive la quale sostiene l’impegno delle piccole imprese di tutta la Sicilia e gli concede credito a tassi vantaggiosi, rimborsabili in massimo 36 mesi, per permettergli di rimanere competitive sul territorio.