Alcamo, Amici della Musica. Concerto per i bimbi vittime delle guerre

Milioni di vittime innocenti a causa della scelleratezza e crudeltà di capi di Stato che l’unica cosa che sanno produrre sono solo guerre. E da sempre la guerra è nemica giurata dell’infanzia, poiché con il suo carico di lutti e distruzioni interrompe tragicamente l’età in cui un essere umano ha un bisogno assoluto dell’affetto e della protezione da parte di tutti. Ma se per secoli le guerre avvenivano con scontri fra soldati, con i civili nel ruolo di spettatori e vittime occasionali, quelle della nostra epoca sono quasi esclusivamente stragi di persone inermi. Bombardamenti che devastano città e ospedali e le cronache quasi quotidiane parlano di strage o menomazioni di bambini. Quello che avviene in Medio Oriente è sotto gli occhi di tutti. Ma ci sono decine di guerre dimenticate che si combattono tra l’indifferenza del mondo intero e da dove non arrivano notizie perché in certi Stati africani non c’è nemmeno acqua, Gli appetiti e quindi le guerre riguardano il controllo delle fonti energetiche per come sta avvenendo nella vicina Libia. Poi se nei bombardamenti si fa strage di donne e bambini poco importa a capi di Stato insensibili alle necessità delle persone. Dalla seconda guerra mondiale in poi, oltre il 90% dei caduti nelle guerre sono civili, in metà dei casi bambini. E ciò non a caso, poiché l’obiettivo non è quasi mai quello di conquistare un territorio, ma di distruggere un nemico: i ribelli che cercano l’indipendenza, i seguaci di un’altra fede, che con la scusa della fede fanno stragi e attentati, Sin dalla sua nascita l’UNICEF si adopera per assistere e tutelare i bambini coinvolti nei conflitti armati. E nonostante le direttive dell’Onu, lo scorso anno si è celebrato il 30esimo anniversario dei diritti dell’infanzia, le stragi continuano. Un importante momento di riflessione domenica prossima, inizio ore 19, al centro Marconi con il concerto Requiem per i bambini vittime di tutte le guerre, a cura dell’associazione amici della musica di Alcamo, presieduta da Francesco Bambina. Lorena Scarlata Rizzo, mezzosoprano, e Giorgio Gasbarro al violoncello i protagonisti di questo evento.