Addio a Giuseppina Coppola, commediografa, scrittrice e responsabile diocesana

Giuseppina Coppola e il suo libro su Santa Rita

Si è spenta, all’età di 70 anni, la castellammarese Giuseppina Coppola, una delle figure più attive e note negli ambienti religiosi nonché della cultura e del volontariato a Castellammare del Golfo. Dopo una brutta malattia, aveva subito un intervento chirurgico perfettamente riuscito ma poi sono arrivate diverse complicanze fino ad arrivare al letale infarto polmonare.

Sorella dell’ex sindaco Nicola Coppola, Giuseppina ha insegnato lettere per alucni decenni all’istituto tecnico “Girolamo Caruso” di Alcamo. Sposata con Matteo Scavotto, musicista e uno dei pionieri delle tv locali alcamesi, la castellammarese ha diretto per diversi anni le “Famiglie Carmelitane” della diocesi di Trapani. Autrice di commedie in dialetto e lingua nonché di altre opere teatrali, in tutto una ventina, Giuseppina Coppola ha anche scritto diversi libri di approfondimento religioso.

Fra le sue opere teatrali “Cocco di mamma”, “Avviso di chiamata”, “Voli punciri pì fari mali”, “Quel tesoro di mia scuocera”. Fra i libri di approfondimento religioso il più famoso è certamente quello su Santa Rita, “Obbediente fino alla morte”. Giuseppina Coppola è stata anche fra i principali “motori” dell’associazione culturale “Triquetra” e del collegato cenacolo di poesia dialettale.

La salma della settantenne arriverà domattina a Castellammare del Golfo da Palermo dove la donna è deceduta oggi presso il “Policlinico”. La camera ardente sarà allestita nella chiesa di San Giuseppe dove, nel pomeriggio, a partire dalle ore 16, verranno celebrati i funerali.