Addestramento del SAF dei Vigili del Fuoco, simulati delicati interventi alle Terme Segestane

Le “Polle del Crimiso”, note anche come bagni liberi alle acque calde di Segesta, rappresentano un luogo fortemente suggestivo, immerso nella natura fra i territori di Calatafimi e Castellammare del Golfo. In quelle zone ci sono angoli e sentieri alquanto impervi. Proprio qui d’estate è facile restare vittime anche della caduta massi dal costone di montagna sovrastante; in inverno, invece, si rischia di rimanere “intrappolati” all’interno della gola, a seguito della piena del fiume.

Alle Terme Segestane, ieri, 18 unità di personale S. A. F. dei Vigili del fuoco di Trapani hanno tenuto una vasta esercitazione affiancati e sostenuti anche dal comitato di Alcamo dalla Croce Rossa che, per l’intera giornata, ha tenuto sul posto i suoi volontari e una sua ambulanza. La giornata di addestramento professionale è stata molto intensa. Nel canyon naturale delle Polle del Crimiso, sotto il coordinamento dell’istruttore Vincenzo Ligotti, castellammarese, sono stati simulati tre scenari incidentali.  Ogni singola fase esercitativa prevedeva il raggiungimento del malcapitato con un sistema di corde adeguatamente costruito, la stabilizzazione sanitaria e solo dopo averlo immobilizzato si procedeva al recupero del pericolante.

Una delle simulazioni ha riguardato una vittima che presentava una frattura scomposta all’arto inferiore a seguito di una caduta, durante il tentativo di recuperare un cane in prossimità del ponte che collega il comune di Castellammare del Golfo a quello di Calatafimi/Segesta. Il personale SAF, valutato lo scenario interventistico e le condizioni di sicurezza, ha approntato una manovra SAF di calata di due operatori adeguatamente imbragati e proceduto, con il supporto del personale a monte, al recupero del pericolante, consegnandolo al personale sanitario. Pienamente soddisfatto dell’esercitazione il Comandante Michele Burgio, che unitamente ad un nutrito staff di funzionari tecnici, ha assistito alle manovre di soccorso messe in campo dai vigili del fuoco del SAF, altamente specializzati in tecniche di soccorso speleo alpino fluviale.