Abusi sessuali su minore all’interno della scuola, dirigente e bidello condannati in via definitiva

MARSALA – Erano stati condannati per violenza sessuale su minore, il cinquantasettenne e la cinquantanovenne tratti in arresto venerdì scorso dai poliziotti della Questura di Trapani e del Commissariato di  Marsala, in esecuzione di un ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica. I fatti, risalenti al periodo tra il 2004 ed il 2008, avevano visto protagonisti la direttrice e un bidello di un istituto scolastico di Marsala, che avevano
indotto una ragazzina in condizioni di disagio, a prendere parte ad una
serie di atti sessuali.

In particolare, la minore tra gli otto e gli undici anni, era stata, sistematicamente, sottoposta ad abusi all’interno della stessa scuola (incredibile ma vero), anche dietro elargizione di piccole somme di denaro finalizzate a “comprarne” il silenzio. Le indagini, avviate grazie alle confidenze raccolte dal convivente della madre della ragazzina, divenuta frattanto adolescente, erano state condotte dalla Squadra Mobile della Questura di Trapani e avevano permesso di raccogliere decisivi elementi di colpevolezza a sostegno della
condanna divenuta definitiva.

Venerdì scorso, quindi, alla luce dell’ultimo grado di giudizio, l’epilogo della vicenda quando entrambi i condannati, rintracciati tra Marsala e Trapani, sono stati tratti arrestati e condotti in carcere.