Abbandono rifiuti a Castellammare del Golfo, avviate ispezioni tramite apertura dei sacchetti

Intensificazione dei controlli e anche ispezioni dei sacchetti d’immondizia gettati in strada senza il minimo rispetto dell’ambiente e delle norme sul corretto conferimento. La polizia municipale di Castellammare del Golfo è scesa quindi sostanziosamente in campo, su disposizione dell’assessore all’ambiente Vincenzo Abate. Potenziata quindi  l’attività di contrasto all’abbandono scriteriato della spazzatura con l’avvio di verifiche, in collaborazione con il personale del gestore, la ditta Agesp, sul contenuto dei sacchi di immondizia abbandonati.

Il tutto per risalire, tramite scontrini o altro materiale, ai castellammaresi che continuano ad abbandonare rifiuti per strada creando mini discariche. “Dopo l’ispezione dei rifiuti abbandonati è in corso l’accertamento sui presunti responsabili individuati. Abbandonare i rifiuti in strada non è solo un gesto di inciviltà- ha detto l’assessore Aabate – ma anche un reato. Non è più possibile alcuna tolleranza per chi vanifica il rispetto delle regole della maggior parte dei castellammaresi. Abbiamo rivoluzionato il sistema di raccolta rifiuti predisponendo il ritiro a domicilio anche nelle periferie e zone prima non servite. Anche gli ingombranti vengono ritirati su prenotazione.Su tutto il territorio cittadino, – ha concluso l’assessore all’ambiente della giunta Rizzo –  è possibile conferire correttamente i rifiuti con più modalità. L’abbandono non è accettabile: intensificheremo ulteriormente i controlli tramite polizia municipale e personale Agesp, per contrastare tale deprecabile fenomeno e sanzionare chi si rende responsabile”. “Sono stati fatti comunque enormi passi avanti – ha aggiunto il sindaco Nicola Rizzo – ma il decoro cittadino passa dal corretto comportamento di ogni singolo, tenuto ad osservare le regole di conferimento dei rifiuti, rispettando orari, giornate e modalità per differenziare. È gravissimo l’atteggiamento noncurante qualcuno che abbandona ogni genere di rifiuti compresi gli ingombranti. Per questo –ha ribadito sia il primo cittadino che l’assessore Abate –  anche nelle prossime settimane proseguiranno le azioni di prevenzione del degrado ambientale causato dall’abbandono di rifiuti, con controlli sempre più serrati”.