A Trapani danni alla famiglia che lo aiuta, a Mazara del Vallo spaccio di eroina pura. Arrestati

Ogni giorno, da qualche mese e con grande spirito di solidarietà, garantivano un pasto caldo a un trapanese non in possesso di un’abitazione. L’uomo, però, ha pensato bene  di aggredire le persone che lo avevano aiutato e di distruggere arredi e oggetti della loro casa. E’ accaduto a Trapani dove la polizia delle volanti della questura di Trapani è intervenuta all’interno di un’abitazione del centro storico perché l’uomo, in escandescenza, stava distruggendo tutto ciò che era all’interno della casa. 

Una volta all’interno gli agenti venivano aggrediti dall’uomo che si era nascosto in cucina. Grazie all’esperienza ed alle tecniche operative messe in campo dai poliziotti si riusciva a bloccare il trentenne che si era presentato in quella casa completamente ubriaco e, all’invito di tenere una condotta di vita più virtuosa, era andato su tutte le furie spaventando le persone che lo avevano accolto. Il trapanese è stato così arrestato per resistenza a pubblico ufficiale e denunciato per danneggiamento.

A Mazara del Vallo, invece, gli agenti della Squadra Pegaso del locale commissariato hanno tratto in arresto un noto pregiudicato, il quarantaduenne G.M., in flagranza del reato di detenzione ai fini di spaccio di eroina. La polizia, tramite l’attività di prevenzione generale e controllo del territorio nelle periferie mazaresi ha permesso di accertare che l’uomo si fosse recato fuori città per rifornirsi di droga da spacciare.

Al rientro in pullman da Palermo, proprio in corrispondenza della fermata, i poliziotti del commissariato di Mazara del Vallo, hanno bloccato il quarantaduenne perquisendolo sul posto. Gli investigatori hanno quindi scoperto, indosso al soggetto, un piccolo involucro in cellophane al cui interno si trovava eroina pura per un peso complessivo di 51 grammi. La droga, immessa nel mercato dello spaccio, avrebbe consentito un ricavo pari a circa 10 mila euro.

Dopo il sequestro della droga, il mazarese è stato tratto in arresto, poiché ritenuto nella flagranza del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente del tipo eroina, e sottoposto agli arresti domiciliari presso la sua abitazione.