A Pantelleria Giro Podistico e scienze

0
481

A Pantelleria, e più esattamente nello specchio del lago di Venere, scienziati hanno ritrovato sedimenti, prodotti da microrganismi, che potrebbero aiutare a riconoscere forme di vita sviluppatesi in altri pianeti. Ricercatori dell’INGV dell’Università di Palermo e dell’Università “Pierre et Marie Curie” di Parigi hanno pubblicato che le stromatoliti silicee ritrovate nel Lago di Venere assumono un carattere di eccezionalità di tale valore che possono rappresentare il punto di riferimento mondiale per il riconoscimento di forme di vita primordiali in altri pianeti come ad esempio su Marte.

 

I partecipanti al prossimo Giro a Tappe dell’Isola di Pantelleria in programma dal 22 al 29 giugno, durante la terza tappa nel pomeriggio del 27 giugno, saranno rapiti dalle bellezze naturali ed incantati dal panorama che si spalancherà davanti ai loro occhi, il circuito interessato sarà proprio il periplo del Lago di Venere, grazie alle autorizzazioni del Dipartimento Regionale Azienda Regionale Foreste Demaniali Sicilia, che sarà per quattro volte percorso per un totale di circa otto chilometri. La scienza si unisce alla mitologia regalando agli atleti sensazioni uniche, infatti, la dea Venere secondo la leggenda giornalmente andava a specchiare al lago prima dei suoi incontri con Bacco, che abitava l’isola proprio per la bontà del vino prodotto. Correre a stretto contatto con le primordiali forme di vita di altri pianeti renderà ancora più suggestiva e particolare la permanenza sull’ isola di Pantelleria in occasione del 2° Giro podistico di Pantelleria a Tappe.