Palermo: visite in nero in ospedale, arrestato un professionista

Arrestati in flagranza di reato un dirigente medico in servizio presso l’azienda ospedaliera Villa Sofia di Palermo e la sua assistente, caposala presso il reparto di Pneumologia. Il professionista effettuava le visite durante l’orario di lavoro in ospedale, ma si faceva pagare “in nero”.  L’accusa è quella di essersi appropriati di somme di denaro spettanti all’ospedale Il medico infatti era regolarmente autorizzato ad esercitare la professione all’interno della struttura ospedaliera con le attrezzature dalla stessa. Le indagini, durate circa 2 mesi e dirette dalla Procura di Palermo, hanno rivelato l’esistenza di un canale diverso a quello ospedaliero, il cui cardine era rappresentato dall’assistente dello specialista che fungeva da vero e proprio “centro di prenotazione”: era infatti lei ad occuparsi di ricevere le telefonate dei pazienti, di combinare gli appuntamenti, di riscuotere il denaro  e, in alcuni casi, di provvedere direttamente a contattare vecchi pazienti sollecitando visite di “controllo”.

greatest fix the foot of the ladies high heel sandals as they deplete
louis vuitton handbags How to Dress for Men

An annual subscription costs
burberry outlet onlineVibrant Color without the Toxins