Ha preso il via il progetto #Ioamocastellammare, iniziativa che mira a sensibilizzare l’opinione pubblica a mantenere pulite le spiagge e le strade della città. Ieri prima tappa alla spiaggia Playa dove sono stati distribuiti i primi volantini sui quali viene riportata l’importanza di mantenere il territorio pulito. In questo primo round i volantini sono stati distribuiti all’interno dei bar, ristoranti, lidi e tra i bagnanti. L’iniziativa è portata avanti dal gruppo nato su facebook “Sei di Castellammare del Golfo se …” che già diverse attività ha messo in campo a favore della comunità castellammarese: “Vorrei ringraziare tutti coloro che hanno accolto con entusiasmo questo progetto – afferma Nicolò Lentini, fondatore della pagina su facebook – e quanti hanno dato il loro plauso all’iniziativa, tra cui l’amministrazione comunale e il sindaco Nicola Coppola. L’iniziativa è stata autofinanziata interamente dal gruppo”. La campagna di sensibilizzazione si incentra sull’invito  residenti e turisti a mantenere non solo il paese pulito ma anche le spiagge e luoghi di maggior affluenza e di ritrovo di Castellammare del Golfo. Questo progetto intende muoversi durante tutto il periodo estivo comprendendo 4 tappe nel corso delle quali saranno distribuiti dei volantini che inviteranno a mantenere pulito il territorio. La prima è stata già realizzata, la prossima sarà il prossimo 28 luglio con volantini che saranno distribuiti lungo la via Don Luigi Zangara, quindi nella zpna della Cala Marina. Si torna il spiaggia il 4 agosto, ed esattamente a Guidaloca; ultimo appuntamento la settimana successiva, l’11 agosto con i volontari che saranno presenti lungo il corso Bernardo Mattarella e il corso Garibaldi, in piazza Petrolo e nei pressi del centro storico. Castellammare ha subito soprattutto problemi di pulizia nelle spiagge e nelle periferie. Nel primo caso l’avvio dell’operazione “Spiagge pulite” da parte del Comune, che mette in azione una quarantina di operai presi tra i disoccupati del paese, ha sicuramente tamponato i problemi legati all’abbandono di rifiuti di ogni genere sull’arenile. Storia diversa invece per quanto concerne le zone più periferiche, quelle difficilmente controllabili. Al momento le uniche contromisure sono state quelle di eliminare anzitutto i cassonetti, in modo da evitare il formarsi di vere e proprie miscrodiscariche all’esterno proprio dei contenitori; in più il comando di polizia municipale è stato dotato di una telecamera mobile che permette, durante i pattugliamenti o negli appostamenti, di potere riprendere le auto di chi si accosta per gettare rifiuti per strada.

Share.
SHARE
OR
SCARICA LA NOSTRA APP