Scende in campo il Coordinamento nazionale formazione artistica, musicale e coreutica contro il ventilato trasferimento, a partire dall’anno scolastico 2018-19, di 642 alunni del Liceo Allmayer di Alcamo in un immobile di proprietà della provincia, che si trova nella contrada Sasi di Calatafimi-Segesta. Il coordinamento ha manifestato “indignazione e preoccupazione” facendo appello” a tutte le forze civili e democratiche d’Italia perché esercitino il loro diritto all’indignazione – è scritto in un comunicato _ confidando nel buon senso delle Istituzioni”. Il Coordinamento ribadisce che il liceo “Allmayer” è un’eccellenza in Italia e che intende  costituire ad Alcamo un Polo didattico unico nel panorama regionale e nazionale”. Poi fa un’analisi della situazione e “per una decisione unilaterale e senza precedenti della Provincia e per provvedere al loro trasferimento ogni giorno dovrebbero essere istituiti 14 autobus. Gli studenti dei centri vicini dovrebbero prima trasferirsi ad Alcamo e poi prendere un secondo autobus con spese elevate a carico delle famiglie e disagi per gli alunni. Se tale decisione andasse in porto, ciò comporterebbe la morte del liceo “Fazio Allmayer”. E infine il Coordinamento, con i suoi oltre 4 mila aderenti,  lancia un appello a tutte le istituzioni per bloccare qualsiasi trasferimento. E di questo problema si parlerà giovedì prossimo a Trapani durante un incontro alla Provincia al quale sono stati invitati i sindaci di Alcamo, Castellammare e Calatafimi Segesta e tutti i dirigenti scolastici dei tre Comuni. Il Liceo “Allmayer” negli ultimi anni, grazie alla qualità dell’offerta scolastica e ai tanti corsi che vi si svolgono ha avuto un boom di iscrizioni. Allo stato attuale la popolazione scolastica, guidata da Vito Piccichè, ha raggiunto quota 902. Ben 642 studenti sono nell’immobile del Viale Europa, insomma tutti quelli che dovrebbero sloggiare dal primo settembre del 2018. Ma si lavora affinché questo provvedimento non abbia seguito. La Provincia ha deciso il trasferimento  per evitare di pagare quasi 200 mila euro di locazione l’anno. Ma è ad Alcamo che deve ruotare l’attività didattica dell’Allmayer come ora sottolineato anche da Coordinamento nazionale formazione artistica, musicale e coreutica (Cnafam).

Share.
SHARE
OR
SCARICA LA NOSTRA APP