Due grandi manifesti affissi alla recinzione esterna della scuola media Navarra di Alcamo con slogan coniati dagli alunni contro la criminalità mafiosa. La presentazione dei libri per il Maggio dei libri della classe II A con una breve presentazione del progetto Le vie della mafia ad Alcamo. La lettura di alcune pagine dei libri dove si raccontano storie di vita e di uomini coraggiosi, come Falcone e Borsellino, deceduti assieme agli uomini della scorta durante il periodo delle stragi mafiose, ordite dai corleonesi di Totò Riina, che lanciarono la sfida contro lo Stato. Ma le loro criminali azioni scossero le coscienze e negli anni è aumentato il disprezzo verso cosa nostra. I protagonisti di questa crescita sociale sono senza dubbio i giovani, che grazie agli incontri con le Istituzioni, magistrati, carabinieri, polizia ed altro possono capire quali danni ha prodotto e produce la mafia e lavorare sempre nella direzione della legalità”. Questa mattina all’istituto Navarra ad intervenire  sul tema: “La criminalità organizzata nel nostro territorio” Alessandra Camassa, magistrato antimafia e presidente del tribunale di Marsala, il capitano Giulio Pisani, comandante la compagnia dei carabinieri di Alcamo, rappresentanti della Casa memoria di Felicia e Peppino Impastato, Pino Manzella amico di Peppino Impastato,  pittore impegnato nella lotta alla mafia. E ancora rappresentanti di Libera di Alcamo e il presidente del comitato della Croce Rossa di Alcamo, Fabio Ferrara.

Share.
SHARE
OR
SCARICA LA NOSTRA APP